lunedì 15 ottobre 2012

Chapter 26. #New.

Qualche giorno dopo il mio compleanno, mi arrivò la lettera di Julieta che subito aprii, eccitata come ogni volta che ne arrivava una.
Questa però mi colpì particolarmente anche perché mi diceva che per regalo di compleanno mi avrebbe presentato dei ragazzi.
"Lo sò che sei impegnata con Francesco ora, ma se inizi a conoscere ragazzi non succede niente e poi loro sono indispensabili per poter realizzare il tuo sogno di venire a vivere qui in Spagna".
Parole sante. Io ero indignata nel voler realizzare il mio sogno, ma c'erano degli aspetti che non bisognava trascurare, per esempio il fatto che amavo alla follia Francesco e che se avessi avuto l'occasione ci saremmo trasferiti insieme, un giorno. Ma lui invece mi diceva sempre che non si sarebbe mai mosso dall'Italia, nonostante gli piacesse viaggiare, anche perché non aveva intenzione di mollare tutto e tutti. Cosa che invece ero intenzionata a fare io. Perciò già si capiva che non sarebbe durato in eterno quell'amore.
Alla fine come idea non era male, insomma i ragazzi dovevo solo conoscerli, non mi ci dovevo mettere insieme!  Perciò decisi di seguire il consiglio di Julieta, quando mi diceva un nome di qualche ragazzo io lo aggiungevo su Facebook e su Tuenti e ci facevo amicizia.  Arrivai a quota tre in un anno.
Per il mio compleanno decise di presentarmi Lucas, un ragazzo di una bellezza particolare, di cui io riuscivo a coglierne le migliori sfumature, un ragazzo normalissimo, romantico e amante della musica. Un ragazzo perfetto per i miei standard.
"É una bravissima persona Lucas, te lo consiglio ;)" mi scrisse lei.
Si, era davvero una brava persona, anzi lo é ancora. Una di quelle persone rare da trovare e che raramente rimangono al tuo fianco per tutto questo tempo.
La prima volta che parlai con lui fu a fine aprile, mi colpì fin da subito la sua semplicità.
*** "Hola" dissi
"Hola. Piacere di conoscerti, sono Lucas"
"Piacere Lucas, mi chiamo Claudia"
"Sei italiana?"
"Si, ma amo lo spagnolo e la vostra terra. "
"Ah wow, a me piace tanto l'Italia anche se non ho mai avuto l'occasione di visitarla. E di dove sei precisamente?"
"Sono di Roma."
"Che bello! Come hai conosciuto Julieta?"
"Julieta? Tramite un'agenzia di penfriends che ci aveva consigliato la nostra professoressa, ho trovato davvero una grande persona."
"Si, è vero, è davvero una bravissima ragazza, siamo molto amici."
"Ahh, sono contenta!! Hai dei migliori amici?"
"Si, Jairo, è anche molto amico di Julieta". Ripensai alle foto che lei mi aveva mandato per e-mail, Jairo era quello che io pensavo fosse il suo nuovo ragazzo (col suo si era lasciata a gennaio), invece era solo un amico.
"Ah, sono solo amici? Io pensavo stessero insieme!"
"Noo, ma che dicii! Almeno non che io sappia... xD"
"Ahahahahah!"
"Sei tu nella foto del profilo?" Mi chiese ad un tratto.
"Si."
"Ah beh, devo dire che sei molto carina." Arrossii. Non ero abituata a ricevere commenti del genere da persone che avevo appena conosciuto.
"Ahh, grazie! :$" scrissi imbarazzata.
"E di che, é la verità."
"Tu non sei da meno!" Dissi. Infatti, era un bel ragazzo anche lui. Dopo qualche minuto mi pentii di ciò che gli avevo scritto, insomma io ero già impegnata con Francesco, non potevo andare in giro a dire a dei ragazzi 'ciao, sei davvero figo, lo sai?'
"ahahah, grazie... :)" scrisse. Immaginai fosse un pò imbarazzato da come mi aveva risposto. Decisi di cambiare argomento.
"Hobby?"
"Mi piace molto giocare a calcio, uscire con i miei amici, suonare e mangiare cioccolata! E tu?"
"Io adoro la cioccolata!" esclamai "Mi piace molto scrivere e fare foto, anch'io canto, ho una band. E poi mi piace pattinare."
"Suoni in una band, davvero?"
"Si, ormai sono quasi cinque anni che suoniamo. E da poco più di un anno facciamo serate per i bar. Tu invece canti da qualche parte?"
"Wow, sono contento per te! No, io purtroppo non ho né una band e nemmeno vado a cantare in giro, anche se non nego che mi piacerebbe. Intanto scrivo canzoni e provo a comporre la musica."
"Tu componi?? Wow!! Noi qui cantiamo canzoni di cantanti famosi, non abbiamo mai provato a comporre! Un giorno mi manderai un testo di una tua canzone?"
"Certo, mi farebbe piacere sapere la tua opinione!"
":)"
Parlammo per un altro pò di musica, gli inviai il link del canale ufficiale di youtube della band e senza che io gli dissi niente capì al volo qual'ero io.
"Canti molto bene, wow, non me l'aspettavo" disse. Arrossii di nuovo. Questo ragazzo era capace di farmi arrossire in continuazione facendomi complimenti che magari non mi aspettavo. Gli dissi anche delle gare di pattinaggio, si stupì che nonostante la mia vita caotica riuscivo sempre a studiare e a mantentere la mia media dei voti medio-alta. Scoprii che aveva la mia età, soltanto che era dell'11 maggio, avevamo un mese di differenza.
Insomma, avevo trovato un nuovo amico, un altro passo avanti per far avverare il mio sogno. Continuammo a parlare di svariate cose, dalla famiglia a "sei fidanzato?", a come vai a scuola, eccetera... in un solo giorno scoprii molte cose di lui, ma poi col passare del tempo ne scoprii anche molte altre, a volte piacevoli, altre volte no.
Da quel giorno ebbi un buon presentimento, che poi verso giugno-luglio si tramutò in qualcos'altro di ancor più piacevole.
*** A Francesco dissi poco e niente che avevo conosciuto un ragazzo, avevo paura che si ingelosiva, anche se in realtà c'era poco da essere gelosi, visto che l'avevo appena conosciuto.
Silvia invece mi continuava ad appoggiare, era felice forse anche più di me che avevo fatto un passo avanti per realizzare un mio grande sogno. Mi diceva in continuazione che aveva un buon presentimento a riguardo, guardacaso poi lo ebbi anch'io. E non ci sbagliavamo.

Nessun commento:

Posta un commento