martedì 7 agosto 2012

Chapter 8. #New.

Appena mi misi al letto prendei subito sonno, erano quasi le tre.  Dormii benissimo, nel sogno ricordavo tutti i momenti più belli di quella sera, Francesco sulla porta di casa che mi guardava stupito, il Colosseo di notte, il bacio appassionante davanti il nostro muretto, la stanza 303 color panna dell'albergo, gli sguardi prima imbarazzanti e poi desiderosi ed impazienti, i vestiti buttati a terra,il suo corpo statuario, il suo respiro caldo sul collo e il suo odore, la mia mano intrecciata alla sua,il suo ti amo... e poi la doccia insieme, i nostri visi felici quando eravamo pronti per andarcene, le mani ancora intrecciate nel taxi, il saluto speciale sotto casa e di nuovo il 'ti amo'. 
Mi svegliai col sorriso alle sette, mio fratello anche si stava svegliando, mandai subito il messaggio a Francesco dicendogli che sarei andata a scuola, e mi avviai in bagno con aspetto sognante, tanto da far insospettire anche Giovanni.
-beata te che inizi la giornata così! Io c'ho un sonno che rimarrei a dormire fino a domani pomeriggio!- disse con voce da sonno.
-alzati, dai.  Buongiorno a tutti.- disse mamma entrando improvvisamente in camera.  Tutti di buon umore stamattina.

Arrivai a scuola ancora con quell'aria sognante e con quel sorrisone stampato in faccia.  Poi vidi Francesco appoggiato al muretto che circondava la scuola con una gamba appoggiata al muro.  Sembrava immerso nei suoi pensieri ed aveva un sorriso molto simile al mio stampato in faccia.
Appena mi vide mi venì incontro.
-buongiorno signorina, ha dormito bene stanotte?-
-oh si, ed il merito è tutto del mio cavaliere!-.  Mi sollevò con un dito il mento e mi baciò.  Ormai i baci si erano intensificati.  Mi accorsi che mancava qualche minuto alle 8 quindi controvoglia mi staccai.
-dobbiamo andare... al resto ci pensiamo dopo!- dissi ridendo.
-uhm, giusta osservazione.- disse.  Ci dividemmo per andare io in 1°b  e lui in 3°e.
Mi misi seduta vicino a Silvia, che mi accolse con un sorrisone.
-e allora com'è andata la serata? Mi devi raccontare tutto!- disse lei tutta eccitata.
Durante le lezioni le spiegai e le raccontai di ieri sera.  -al Colosseo! Dove vi siete messi insieme per la prima volta!- sussurrò lei.
-si.  E ieri lì vicino c'è stata un'altra prima volta..-dissi facendole l'occhiolino.  Dopo un pochino capì.
-ma daii!! Oh wow!!- era contentissima. -raccontaa!-
-era proprio come l'avevo immaginata. Lui poi è semplicemente fantastico.- le dissi, dicendole poi qualcosa in più, ma non le dissi molte cose.  Quelli sarebbero stati dei particolari che non avrei rivelato mai a nessuno, ma che avrei custodito per sempre nella mia mente e nel mio cuore. 
La mattinata passò in fretta, arrivò la ricreazione, quindi il tempo di rivederlo.  Lo invitai a pranzo a casa.  Lui usciva a l'una ed io a mezzogiorno, quindi avrei avuto il tempo di preparare qualcosa.
-allora, vieni?- chiesi
-certo che vengo, voglio parlare e stare un pò con te.- rispose entusiasta.

Nessun commento:

Posta un commento